Stiamo selezionando i partecipanti al progetto.  Giorno per giorno inseriremo nuovi profili!

 

A partire dalla propria storia professionale, questi detenuti hanno lavorato su potenzialità, talento e vocazione e, per quanto possibile, sulla possibilità di costruire un progetto che permetta loro di trovare una strada verso l’autorealizzazione. Una strada che siano in grado di percorrere grazie alla consapevolezza che, attraverso il proprio reinserimento nella società, potranno ricostruire il proprio profilo professionale e personale. Una strada grazie alla quale potranno restituire a loro stessi e alla società quello che hanno tolto compiendo i reati per cui sono stati condannati. Sappiamo bene che è possibile, dopo un lungo e faticoso percorso, lasciarsi alle spalle il linguaggio e la cultura della delinquenza in favore dell’assunzione di una responsabilità autentica verso di sé e gli altri.

Il profilo professionale che leggete a fianco dei nomi è per ciascuno emblema di una fase della propria vita: chi ha svolto quella professione per una vita e chi per pochissimo tempo. Da qui hanno preso avvio per ciascuno di loro i percorsi di orientamento vocazionale volti alla valorizzazione dei punti di forza e delle potenzialità di ciascuno:

  • Antonio, 48 anni, cuoco
  • Antonio, 37 anni, magazziniere
  • Antonio, 42 anni, operaio
  • Benedetto, 46 anni, addetto alle pulizie
  • Carmelo, 49 anni, operaio
  • Christian, 44 anni, magazziniere
  • Davide, 29 anni, cuoco
  • Daniela, 41 anni, operaia
  • Emmanuel, 29 anni, operaio e magazziniere
  • Giuseppe, 59 anni, operaio
  • Ilaria, 33 anni, impiegata
  • Andreea, 30 anni, operaia
  • Milena, 37 anni, impiegata
  • Pier Luigi, 55 anni, operaio
  • Antonio, 40 anni, addetto alla logistica
  • Andrea, 28 anni, operaio